Il Premio Penne verso la finale

La trentesima edizione del Premio di Narrativa Città di Penne si avvia alla conclusione con la giornata di premiazione finale in programma sabato 22 novembre. Tutti i finalisti delle varie sezioni (narrativa, poesia edita, inediata e dialettale, narrativa per l’infanzia e l’adolescenza) si ritroveranno nella sala convegni dell’Hotel dei Vestini insieme ai componenti della giuria tecnica, presideuta dal prof. Vincenzo Cappelletti, e delle giurie popolari.

Come di conseuto, la giornata conclusiva del premio sarà preceduta, il giovedì e venerdì, da un convegno che ha, ogni anno, come tema la figura e l’opera di un autore classico o contemporaneo. Il protagonista di questa edizione è lo scrittore israeliano David Grossman, autore di romanzi, saggi e letteratura per bambini, ragazzi e adulti, tradotti in numerose lingue, è considerato tra i più grandi scrittori e romanzieri contemporanei. Nel suo ultimo romanzo, A un cerbiatto somiglia il mio amore, affronta la tragedia del figlio Uri, morto il 12 agosto 2006 nella guerra israelo-libanese, due giorni prima di una tregua per altro già decisa. Solo due giorni prima, insieme agli autori Amos Oz e Abraham Yehoshua, aveva parlato durante una conferenza stampa chiedendo al governo di trovare un accordo per un cessate il fuoco come base per negoziati che portassero a una soluzione concordata, definendo ulteriori azioni militari come “pericolose e controproducenti” ed esprimendo preoccupazione per il governo libanese. Lo scrittore non sarà presente a Penne in questi giorni ma il prossimo 28 gennaio, in occasione di un incontro-dibattito pubblico.

Grossman ha studiato filosofia e teatro all’Università Ebraica di Gerusalemme. Ha lavorato come corrispondente e come attore radiofonico per la radio Kol Israel, il servizio radiofonico di stato israeliano ed è stato uno dei presentatori del programma “Gatto nel sacco”, dedicato ai bambini, trasmesso dal 1970 al 1984. Nello stesso programma fu trasmesso, sotto forma di dramma radiofonico, il suo libro Il duello. Insieme a Dani Eldar, ha condotto la popolare serie radiofonica “Stutz” (in Yiddish: “che può accadere”). Nel 1984 ha vinto il Premio del Primo Ministro per il Lavoro Creativo.

Leggi il programma del convegno “David Grossman:l’insostenibile leggerezza dell’amore” e della giornata finale del Premio

Altri articoli in questa categoria

Altri articoli dello stesso autore

rss Sottoscrivi il feed di questo autore

Taggato come: , , ,