“Caro Dante” si presenta

Antonella Perilli presenta a Penne il suo romanzo d’esordio “Caro Dante (come t’acchiappo lo scrittore)” martedì 23 dicembre, ore 17,30, presso la Sala consiliare del Comune. Il libro, di cui abbiamo parlato ad inizio novembre, ha continuato ad incuriosire molti lettori ed è apparso, con una pagina dedicata, anche sul principale social network della rete, Facebook. In questi giorni è stato distribuito anche in alcuni punti vendita della città: edicola Toppeta, via Guido Rossa, edicola Sacco e tabaccheria D’Agostino in Piazza Luca da Penne.

Altri articoli in questa categoria

Altri articoli dello stesso autore

rss Sottoscrivi il feed di questo autore

Taggato come: ,

Comments

  • Luca said:

    Pensavo di poterci esseri ma invece, e mi dispiace, non potrò. Il romanzo mi pare interessante…e per molti aspetti sembra toccarmi molto da vicino. Buone Feste a tutti. Luca

  • antonella said:

    Ciao Luca,
    peccato non averti tra i presenti, ho visto che anche tu ti diletti con la scrittura.
    Buone feste
    antonella

  • Luca said:

    Antonella,
    Innanzitutto congratulazioni per il libro. Immagino che il vedere una propria opera nelle librerie sia sempre un immenso piacere che corona ore e ore di pensieri, ripensamenti, impegno e così via. Sono sicuro che la presentazione nella tua Penne sia stato un successo.
    Ad Maiora….e buone feste a te.
    Luca

  • antonella said:

    Purtroppo mi vendono solo on line…
    Comunque condivido quello che dici, dal momento in cui pensi “thee end” al momento della fatidica telefonata dall’editore pensieri ed emozioni ti fanno compagnia, ora solleticandoti ora sferrando attacchi.
    Finita quella fase ti senti in balia di chi decide per te - scegliendo come vestire la tua creatura, poi di chi ti legge, di chi ti commenta, di chi ti snobba e anche di chi ti ignora.
    Ma poi di nuovo una scossa.
    Io e il pubblico.
    E’ stato coinvolgente, totalmente improvvisato e intenso, come una goccia di acqua che scorre sulla schiena nuda.
    Forte!
    Vale la pena di scegliere la solitudine, talvolta la sofferenza, per scrivere e vivere intensamente.

Trackbacks

There are no trackbacks