Rassegna TingelTangel-Atto II: La lunga fuga

Ultimo appuntamento, lunedì 4 giugno alle ore 21, della rassegna teatrale TIngeltangel-Atto II, organizzata dalla compagnia dell’Orfeo Folle. All’Osteria del Leone, in piazza xx Settembre a Penne, andrà in scena La lunga fuga, da Georg Büchner e Robert Walser, di e con Matteo Auciello.

Come nelle fiabe, nelle vite dei santi, nei romanzi ottocenteschi, Lenz è l’eroe puro.
Drammaturgo dello «Sturm und drang», studia teologia, rivaleggia in amore con Goethe, fugge nei monti, dove vive in contatto con lo spirito cosmico e crede di poter compiere miracoli: è evidente che la sua è la biografia di un pazzo.
Si può scherzare, in teatro, con la follia? Meglio stare coi piedi per terra; lo spunto iniziale è Lenz, opera incompiuta di Georg Büchner: un racconto in cui l’esperienza della schizofrenia viene ricostruita con acutezza e precisione sorprendenti. Da lì, attraverso le azioni fisiche, si costruisce un racconto biochimico, una vita possibile. Che poi il bersaglio dell’attore si chiami follia è solo questione di etichette (o ideologia).
È certo comunque che Lenz cammina molto, guarda e ascolta; l’emozione lo percuote, lo consuma, ne sbriciola il pensiero. Senza il filtro razionale che distingue, protegge, separa l’io dal mondo, è vicino al cielo, alle nuvole, ai prati, agi alberi stormenti. Agli animali. Ai bambini morenti.
Sarà questo a salvarlo: alla fine del suo viaggio Lenz saluta tutti, amici e spettatori, e si mette in cammino per un’ultima volta. Non appartiene, non apparteniamo a questo mondo.

Ingresso 6 euro
Per info e prenotazioni 328 5752620 orfeofolle@gmail.com

Altri articoli in questa categoria

Altri articoli dello stesso autore

rss Sottoscrivi il feed di questo autore

Taggato come: , , ,