Un nuovo San Massimo

Nei giorni in cui è stato festeggiato San Massimo, patrono della città di Penne, è stata esposta una scultura in terracotta dipinta realizzata da Dario Corda su progetto grafico di Mario Costantini.
“Il Santo martire è rappresentato poggiato sulla città antica con le dieci porte elencate da Muzio Pansa nel XVI secolo-spiega il Prof. Costantini-Penne è stata ripresa dalla veduta del Pacichelli. Naruralmente si tratta di un bozzetto, se si vorrà realizzare il mezzobusto in argento con la tecnica dello sbalzo, smalti e piccole fusioni dovrà essere a grandezza naturale”.
L’idea è nata dopo l’esperienza della Croce processionale in argento sbalzato e smaltato, realizzata dagli orafi locali sempre su progetto grafico di Costantini, nella quale sono rappresentati i quattro Evangelisti e riprodotti gli stemmi dei Vescovi dipinti sul soffitto del Palazzo vescovile di Penne oggi sede del museo archeologico.

Altri articoli in questa categoria

Altri articoli dello stesso autore

rss Sottoscrivi il feed di questo autore

Taggato come: , , ,