Itinerari

Il centro storico di Penne

Per trascorrere una lieta giornata nella città di Penne vi suggeriamo un breve itinerario alla scoperta di alcune tra le architetture più interessanti del nostro centro storico. La passeggiata parte da Porta S. Francesco, un tempo S. Nicola. Fu ricostruita nel 1780 su disegno dell’architetto napoletano Francesco di Sio, a sinistra della porta troviamo la Torre urbica (1400) mentre a destra la rotonda chiesetta di S. Nicola (XIX sec.) attribuita all’ingegnere Federico Dottorelli. Su Largo S.Nicola, alle spalle della porta, prospetta la scenografica facciata del Palazzo Castiglione (XVIII sec.) disegnato da F. di Sio. Proseguendo per via Castiglione, all’incrocio con via Roma, scorgiamo l’antico Palazzo del Capitano Regio, chiesa nel Medioevo, trasformato nel 1338 e parzialmente rifatto nel 1697. Continuando per via Roma, incontriamo la chiesa di S. Agostino, di fondazione duecentesca, rimaneggiata nel 1747 e con semplice facciata ricostruita nel 1959. Proseguendo per via S. Agostino si svolta a destra per prendere la via Muzio Pansa, fiancheggiata in successione dalla casa Vestini e dai palazzi settecenteschi Del Bono, Tirone-Pansa e il Palazzo di Ferdinando Castiglione tardo cinquecentesco. Proseguendo, si giunge alla Cattedrale (S. Maria degli Angeli e S. Massimo Martire), chiesa anteriore al Mille rifatta nel secolo XI, rimaneggiata successivamente. Ci troviamo sulla sommità del Colle Sacro dove sono da visitare anche i due musei, archeologico e civico diocesano.
Tornando indietro e scendendo per via G. B. Leopardi, si svolta a destra per imboccare salita dell’Annunziata che conduce alla omonima chiesa, che rappresenta una delle più eleganti creazioni del 1700 esistenti nella regione. Proseguendo lungo corso Alessandrini, si giunge in piazza Luca da Penne alla cui estremità si affaccia S. Domenico, chiesa già appartenente all’antico convento omonimo (XIII sec.), rimaneggiata nei secoli succesiva. Nella stessa piazza, in vico delle Rimesse si trova un suggestivo cortiletto medioevale. Proseguendo si giunge in piazzetta XX Settembre ai piedi del Colle Castello. Saendo per il corso dei Vestini, si ha a sinistra la cappella gentilizia di S. Antonio da Padova (Piazzola, sec. XVIII), inclusa nel Palazzo Aliprandi ( XVIII sec.). Procedendo per il corso, incontriamo sulla destra la quattrocentesca casa De Paschinis con ricca cornice marcapiano. Poco più avanti sulla destra imboccando via Tre Re giungiamo a largo Fontemanente, dove sulla destra, si affaccia il Palazzo Stefanucci (XVII sec.) dal bel portale in pietra lavorata a “punta di diamante” e finestre con mostra in pietra dal disegno cinquecentesco. Più avanti si scorge la chiesa di S. Giovanni Evangelista d’origine trecentesca, rimaneggiata in epoca rinascimentale e barocca. Tornando sulla via principale e proseguendo in salita troviamo il Palazzo di Margherita d’Austria, con facciata rinascimentale. Continuando la salita si costeggia la settecentesca chiesa di S. Ciro e poco più avanti, si giunge nella piazzetta S. Croce, su cui si prospetta la chiesa, al cui fianco si addossa Porta S. Erasmo o da Capo. Nei pressi della porta troviamo la piazzetta di S. Chiara con l’omonima chiesa.